Oggetti della votazione popolare del 15 maggio 2022

Il 15 maggio, l'elettorato svizzero voterà sulle seguenti tre proposte. L'assemblea dei delegati dei Verdi liberali ha adottato gli slogan il 2 aprile.

Un cristallino SÌ a Frontex/Schengen

Schengen è un modello di successo: rafforza la nostra sicurezza, garantisce la libertà di movimento ed è importante per la piazza economica elvetica. Tuttavia, se la Svizzera non partecipa allo sviluppo di Frontex, metteremo a rischio la nostra appartenenza a Schengen. Le relazioni della Svizzera con l'UE sono state molto tese da quando si sono interrotti negoziati sull'accordo quadro istituzionale e il futuro delle relazioni bilaterali è tutt'altro che garantito. Un No alla legge Frontex metterebbe ancora più a dura prova le nostre relazioni con i nostri partner europei nel momento più inopportuno. "Il voto su Frontex è al centro della politica europea. Un Sì a Frontex è quindi anche un Sì alla politica europea e per l'assunzione congiunta di responsabilità nell’affrontare le sfide della migrazione e della sicurezza del continente europeo. Soprattutto in una situazione di crisi, non possiamo semplicemente rimandare la gestione dei problemi unicamente agli altri paesi europei", sottolinea la presidente del gruppo Tiana Moser. La Svizzera dipende da relazioni stabili e affidabili con i suoi partner europei. Grazie all'accordo di Schengen/Dublino, la Svizzera è al tavolo di tutte le discussioni su questi temi e può contribuire con la propria voce. Di conseguenza, i delegati hanno adottato una chiarissima racomandazione di voto per il SÌ (161 voti a favore, 3 voti contrari e 2 astensioni).

Salvare più vite

"Le cifre di altri Paesi mostrano che il cambio di paradigma conduce a più donazioni di organi. Accorcia il tempo di attesa per un organo e permette di salvare più vite. I sondaggi lo dimostrano e la mia esperienza personale lo conferma: la grande maggioranza della popolazione vede positivamente la donazione di organi. La modifica di Legge riflette lo spirito di solidarietà della nostra società", ha spiegato Jörg Mäder, consigliere nazionale e membro della CSSS-N. La raccomandazione a favore della modifica legislativa è stata quindi accettata in maniera netta (157 voti a favore, 7 voti contro e 2 astensioni).

SÌ alla Legge sul cinema

La Legge “Netflix” ha animato il dibattito dell’assemblea. La vicepresidente Melanie Mettler si è espressa a favore della legge in rappresentanza della maggioranza del Comitato nazionale e del gruppo parlamentare. "Con la Legge sul cinema creiamo condizioni di mercato eque e rafforziamo la produzione cinematografica nel nostro Paese", ha spiegato Mettler. Le piattaforme di streaming devono investire anche in Svizzera, come già devono fare le emittenti televisive elvetiche. L'obbligo d'investimento del 4 per cento è una soluzione moderata e orientata al mercato che non richiede ulteriori fondi pubblici. Questo approccio ha avuto successo in molti Paesi europei. La Legge sul cinema è anche una base importante per l'accesso al mercato europeo e a programmi come "Creative Europe".

 

Secondo gli oppositori invece la Legge sul cinema impone restrizioni controproducenti sulla definizione dei film svizzeri e richiede una quota rigida, protezionista e discutibile dal punto di vista dello sviluppo per i film europei. Inoltre, per gli oppositori, il disegno di legge è eccessivo e distorce la concorrenza, soprattutto perché l'industria cinematografica riceve già annualmente decine di milioni di franchi in contributi pubblici. 

 

Alla fine i delegati hanno però dato seguito alla raccomandazione della maggioranza del gruppo parlamentare e del comitato nazionale sostenendo il SÌ con 101 voti a favore, 55 voti contrari e 8 astensioni.